home

indice ceramisti

indice fabbriche

La FIAMMA (Albisola Capo) QUOTAZIONI

La manifattura per la produzione di ceramiche artistiche "La Fiamma" viene fondata da Ivos Pacetti, che ne anche direttore artistico, nei forni della ex "Fenice" in via Colombo ad Albisola Capo, nel 1929.
Alcuni prodotti di questa manifattura sono presentati alla V Triennale di Milano del 1933, dove sono premiati con medaglia d'oro.
Sempre nel 1933 la ditta presente alla Mostra Mercato dell'Artigianato di Firenze, a cui partecipa anche alle successive edizioni annuali fino al 1938.
Nel 1934 alcune ceramiche con il marchio della manifattura sono esposte alla Fiera di Lipsia e a quella di Tripoli dove premiata con una medaglia d'oro.
Nel 1935 viene assunto come operaio modellatore lo scultore
Agenore Fabbri e l'anno successivo alcune opere da lui realizzate vincono una medaglia d'oro alla VI Triennale di Milano.
Negli stessi anni collabora con la manifattura
Nino Strada.
Nel 1936 la manifattura apre una sala espositiva a Torino, in corso Vittorio Emanuele.
Nel 1937 la manifattura presente all'Expo di Parigi e l'anno successivo partecipa al Concorso di Faenza e all'Esposizione Internazionale di Berlino.
Nel 1938 la "Fiamma" ottiene il quinto premio al Concorso Ceramico di Faenza.
Nello stesso anno il catologo dell'E.N.A.P.I. (Ente Nazionale Artigianato e Piccole Imprese) presenta, su quindici tavole, una parte della produzione della ditta.
Dalla bottega del Pacetti escono negli anni Trenta numerose ceramiche di stile dco e razionalista ed alcune opere ispirate al futurismo ma comunque tutti i prodotti di questa manifattura sono sempre di elevata qualit sia tecnica che formale.
Nel 1938 Ivos Pacetti chiude la fabbrica e, dal 1939, si trasferisce come direttore artistico alla "
I.L.S.A." di Albisola Capo.

N.B.: altre manifatture ceramiche operano sotto lo stesso nome. Ricordiamo "La Fiamma" di Sesto Fiorentino attiva nel secondo dopo guerra e "La Fiamma" di Roma