home

indice ceramisti

indice fabbriche

Augusto CHINI
(secondo del nome)
 

Augusto Chini (secondo del nome), nato a Firenze 1904, figlio di Chino e nipote di Augusto (primo del nome) e di Galileo, compie gli studi alla Scuola d'Arte di Santa Croce, allievo di Libero Andreotti e completa la sua formazione diplomandosi in scultura all'Accademia di Belle Arti di Firenze, sotto la guida di Domenico Trentacoste.
Dalla metÓ degli anni Venti lavora presso la manifattura ceramica del padre "
Fornaci di San Lorenzo", sue le piccole plastiche che ornano i vasi successivi al 1920, che eredita, insieme al fratello maggiore Tito, intorno all'inizio degli anni Trenta.
Nel 1925 Ŕ lui a dirigere la produzione destinata alla decorazione ceramica dei padiglioni dell'Esposizione Internazionale di Parigi.
Negli anni successivi Chino Chini realizza alcune ceramiche di sapore novecentista e futurista.
E' autore del decoro costituito da grandi palme stilizzate per il portale del Padiglione delle Colonie, dell'Esposizione di Anversa del 1930.
Distrutta da un bombardamento aereo nel 1943, la fabbrica viene ricostruita nello stesso posto al termine della guerra e gestita da Augusto Chini fino al 1955 quando nell'assetto della ditta entra, come socio, il commerciante di ceramiche Franco Pecchioli che modifica la ragione sociale in "Franco Pecchioli Ceramica.

Augusto Chini muore a Borgo San Lorenzo, nel 1998

www.itinerarioliberty.it/augustochini.htm

www.pecchioliceramica.it/Chi_siamo_1.html