home

indice ceramisti

indice fabbriche

Francesco MOLARONI QUOTAZIONI

Alla morte di Vincenzo Molaroni, avvenuta a Pesaro nel 1912, la proprietÓ della fabbrica "Molaroni" passa al fratello e al figlio Francesco, coadiuvato dai fratelli Eliseo e Telesforo, che trascorso il primo conflitto mondiale riporta la ditta all'antico splendore.
Francesco si dedica allo studio degli antichi ricettari del suo avo Pietro Latti riscoprendo i segreti delle maioliche settecentesche.
Nel 1921, insieme al fratello Giuseppe costituisce la societÓ "Stabilimento Ceramico Molaroni & C." ma, dopo diversi anni di successi commerciali, la fabbrica, a causa della grave crisi economica del 1929, con sentenza del tribunale di Pesaro, deve dichiarare fallimento.
Tre anni dopo, grazie all'aiuto economico della moglie
Adriana Ghiselli con la quale ha due figlie, Magda e Gabriella, che negli anni successivi terranno viva la tradizione ceramica di famiglia, Francesco Molaroni riesce a rientrare in possesso degli impianti e dei macchinari e riapre, in societÓ con i finanziatori Armando Lugli e Giulio Coli, la fabbrica.
Nel 1934 Francesco Molaroni muore.